Lugano, soldi per beneficenza a... sé stessi: arrestati due rumeni

Lugano, soldi per beneficenza a... sé stessi: arrestati due rumeni
Dalle mani dei passanti sollecitavano contributi “spontanei” a favore di un'associazione che, a loro dire, opera a sostegno dei diversamente abili e, in particolare, dei non udenti; per farla brevissima, l'associazione non esiste e nemmeno la finalità benefica, fatta ovviamente eccezione per le tasche dei due delinquenti all'opera e dei loro complici. Due, un 36enne ed un 17enne, entrambi cittadini rumeni con residenza all'estero, i soggetti individuati e fermati ieri a Lugano quartiere Cassarate su intervento di agenti della Polcantonale; come indicano oggi fonti del ministero pubblico e della magistratura dei minorenni, presumibilmente al fine di conferire credibilità al loro trucchetto i due chiedevano anche la firma del pedone-donatore su una petizione il cui testo non vedremo mai transitare dalle parti di Palazzo civico a Lugano o di Palazzo delle Orsoline a Bellinzona. Per entrambi i malviventi, al momento, vale l'addebito del reato di truffa.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry